Sponsor

Simple & Exponential moving average

Il moving average è semplicemente un modo per spalmare l’azione del prezzo lungo il tempo. Con moving average si intende la media dei prezzi di chiusura per gli ultimi X periodi.

Come tutti gli indicatori, il moving average (media mobile in italiano) è usato per aiutare a dedurre previsioni dei prezzi futuri. Osservando l’andamento del moving average, si è in grado di fare previsioni generali su come il prezzo possa andare nell’immediato futuro. Come gia detto il moving average spalma l’azione del prezzo. Vi sono differenti tipi di moving average e ognuno di essi ha il suo grado di capacità di spalmare il prezzo. Generalmente, più il prezzo viene spalmato più questo indicatore sarà lento a muoversi. Più sarà variabile il moving average più questo invece tenderà a muoversi in reazione alle variazioni di prezzo.

Moving average

Simple moving avarage.

Il simple moving average è il tipo più semplice di moving average. Praticamente un simple moving average è calcolato sommando i prezzi di chiusura degli ultimi X periodi, dividendo poi questo numero per X. Un esempio può essere che se si lavora su di un grafico con periodo orario, e si è scelto di usare gli ultimi 5 valori per creare la media, allora saranno presi gli ultimi 5 valori di chiusura orari e una volta sommati saranno divisi per 5.

Come ogni indicatore, il moving average agisce con un ritardo. Essendo che si usa la media di prezzi passati, il moving average fornisce una previsione per il futuro, non una realtà certa di quello che accadrà.

Exponential moving average.

Sebbene il simple moving average sia un ottimo strumento, a volte rimane suscettibile a dei picchi di valore. Se si prendono i valori di chiusura degli ultimi 5 giorni, si potrà notare che con la variazione del valore di chiusura in negativo, ad esempio, del secondo giorno, si avrà una media inferiore che potrà dare l’idea di un andamento al ribasso del prezzo quando invece è stata unicamente l’influenza di un episodio isolato.

Con l’exponential moving average, si ovvia a questo inconveniente grazie al maggior peso assegnato ai periodi più recenti presi in considerazione. L’esempio portato in precedenza con questo tipo di media porterebbe una variazione minore, poiché il giorno 2 essendo più lontano nel tempo avrebbe peso minore rispetto agli ultimi 3 valori della quotazione.

Share Link:
Bookmark Google Yahoo MyWeb Del.icio.us Digg Facebook Myspace Technorati Furl Ask Yahoo Bookmarks myAOL MSN Live OkNotizie Segnalo Chatta.it